Incarichi pubblici e consulenze agli amici di Bianco. Chiarezza e trasparenza sulle nomine.

Questa mattina si è tenuta la Conferenza Stampa di uno dei più stretti collaboratori di Enzo Bianco, Giuseppe Idonea. Oggetto della Conferenza stampa è la risposta di Idonea alla revoca dell'incarico di liquidatore della Società AMT a lui affidato direttamente dal Sindaco Bianco in data 8 novembre 2013. 

Pare, dagli atti, che la Società in liquidazione AMT abbia elargito consulenze a prezzi fuori mercato per centinaia di migliaia di euro. Pare, dalle parole di Idonea, che i motivi della revoca dell'incarico siano ben altri, a partire dalla sua azione in merito a debiti con la società IrisBus e alla rivalutazione da 5mila euro a 2milioni di euro di terreni facenti parte del PUA.

Su queste vicende parlano le carte, pubbliche. Il provvedimento di revoca e gli allegati al provvedimento di revoca. Deciderà cosa fare la magistratura, la corte dei conti e la Commissione Antimafia. Organi che possiedono già gli elementi per decidere se intervenire.

Lo scontro Idonea-Bianco potrebbe apparire solo come un fatto politico: il Sindaco che continua a perdere vassalli e che li punisce per la lesa maestà. Oppure potrebbe essere letto come uno dei, purtroppo, tanti casi di - per dirla come riportato nella relazione di inaugurazione dell'anno giudiziario - “uso predatorio delle risorse pubbliche”. Certo inquietanti sono le coincidenze tra la revoca dell'incarico e la rivalutazione del terreno facente parte del PUA.

Ma l'affare Idonea apre anche un'altra questione, meno chiacchierata, che riguarda le modalità con le quali il Sindaco Enzo Bianco, in questi anni di amministrazione, ha conferito incarichi anche molto delicati. Una questione che riguarda le responsabilità dirette di Enzo Bianco.

Prima di chiedersi perché Idonea non sia più liquidatore dell'AMT sarebbe infatti opportuno chiedersi come lo sia diventato, liquidatore dell'AMT, consulente del Sindaco e responsabile comuni Unesco. Il Curriculum di Giuseppe Idonea è pubblicato sul sito istituzionale del Comune di Catania

Al 21 febbraio 2014, giorno in cui è datato il curriculum, Giuseppe Idonea risulta essere:

Coordinatore progetto costituzione del coordinamento dei sindaci UNESCO;

Presidente del comitato liquidatore dell'Azienda Municipale Trasporti di Catania;

Collaboratore esterno dell'Ufficio Staff del Sindaco Enzo Bianco;

Questi incarichi gli sono stati attribuiti dall'amministrazione comunale, con firma del Sindaco, dopo la vittoria delle elezioni di Enzo Bianco nel 2013.

Dal 2012 Giuseppe Idonea è stato:

Consulente privato dell'Avv. Enzo Bianco, non ancora Sindaco, come Responsabile della comunicazione, Relazioni esterne e Media relations, e ha curato la realizzazione della campagna di comunicazione politica per la candidatura a Sindaco alle elezioni comunali;

Consulente privato dell'Avv. Enzo Bianco come Coordinatore comitato elettorale per la candidatura a Sindaco alle Elezioni.

A parte vari incarichi di consulenza per le società Synergica S.r.l.- Catania, CERPMED Centro Studi e Ricerche sulle Relazioni Pubbliche nel Mediterraneo, AJS Connection S.r.l. Comunicazione e Marketing, Giuseppe Idonea è stato nel 2005 consulente privato di Umberto Scapagnini come Coordinatore comitato elettorale per la candidatura a Sindaco alle Elezioni e tra il 2005 e 2006 consulente esterno del Comune di Catania, nominato proprio da Scapagnini.

A tal punto è lecito domandarsi, prima ancora di emettere un giudizio sul lavoro degli incaricati, con che criterio il Sindaco Enzo Bianco conferisca gli incarichi pubblici. Sarà la magistratura ad accertare se per un Sindaco è lecito assumere come consulente dell'amministrazione o nominare per incarico pubblico un proprio dipendente personale, ma sta alla politica chiedere all'amministrazione chiarezza sugli incarichi elargiti. La vicenda Idonea si somma alla vicenda di Lazzaro Danzuso, dipendente del Sindaco nominato addetto stampa di Asec Trade, alla vicenda di Iozzia, anche lui dipendente del Sindaco e nominato direttore del giornale comunale edito dall'amministrazione, e alla vicenda dell'Avvocato Grasso, penalista personale di Enzo Bianco, consulente del Comune e membro dietro compenso, appena aumentato, del Collegio di difesa del Comune. Anche quest'ultimo nominato personalmente da Bianco, Sindaco/cliente. Nomine e incarichi puntualmente contestati e denunciati da Catania Bene Comune.

Il Sindaco Bianco deve dire alla città, a maggior ragione se questa nomina ha prodotto un danno all'ente, com'è possibile che Giuseppe Idonea, suo coordinatore della campagna elettorale, sia stato nominato per un incarico tanto delicato. Deve spiegare ai cittadini catanesi il perché degli altri incarichi a Idonea. Deve chiarire con quale logica un consulente dell'amministrazione Scapagnini diventi pluriconsulente dell'amministrazione Bianco. Deve inoltre rispondere al perché il coordinatore della campagna elettorale di Scapagnini nel 2005, giudicata da Enzo Bianco “viziata”, sia stato prima incaricato di coordinare la sua campagna elettorale e poi nominato consulente, responsabile Unesco e liquidatore AMT. Ma soprattutto deve chiarire quali competenze e professionalità aveva il sig. Idonea per ricoprire tali incarichi.

Alla luce dei contenuti delle dichiarazioni di Idonea poi, il Sindaco ha il dovere immediato di dire alla città se ha effettivamente avuto un coinvolgimento nella nomina dei consulenti dell'AMT in liquidazione e a che titolo.

La città di Catania non può più sopportare che i ruoli istituzionali vengano utilizzati per elargire prebende, per accontentare amici di amici, per pagare impegni elettorali. Non è possibile accettare che ruoli chiave per l'attività amministrativa e per le finanze dell'ente vengano occupati da personaggi nominati per fedeltà politica-elettorale e non per capacità e competenze.

Per tale ragione proponiamo che tutti gli incarichi dati dall'amministrazione e delle aziende partecipate dal comune vengano dati previo bando e in seguito alla valutazione di una commissione di esperti.

Appare questo l'unico modo per creare la discontinuità necessaria dalle amministrazioni Scapagnini-Bianco, le quali condividono lo stesso criterio clientelare per le nomine pubbliche e persino gli stessi consulenti.

Catania Bene Comune

 

Lunedì 1 Febbraio 2016

Aggiungi commento

Filtered HTML

  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <blockquote> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Plain text

  • Nessun tag HTML consentito.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.
By submitting this form, you accept the Mollom privacy policy.