Continua il saccheggio di Catania. L'approvazione del PUA significa svendita, cementificazione e devastazione ambientale.

L'approvazione della variante al Piano Urbanistico Attuativo compiuta dal Consiglio Comunale conferma la pochezza e la nocività della Giunta Stancanelli. Il PUA approvato riguarda un'area immensa di Catania che va dal faro all'Oasi del Simeto, un'area che ora potrà essere interamente cementificata e data in gestione ai privati.

La Giunta Stancanelli pensa di favorire così il turismo a danno della bellezza e della fruibilità della costa. Sbaglia di grosso l'amministrazione comunale perché la distruzione di un territorio incontaminato, la cementificazione, l'inseguimento di modelli turistici già falliti non sono certo un regalo all'economia della città ma bensì un regalo agli speculatori edilizi e ai grandi proprietari dei terreni soggetti alla variante. Nessun vantaggio per le cittadine e i cittadini, nessun incremento turistico ma come sempre regalie ai poteri forti della città. Chi viene a Catania lo fa per la sua bellezza, se la si deturpa nessuno vorrà più fare il bagno nella nostra città.

L'approvazione sotto campagna elettorale del PUA è stata vista da alcuni partiti di opposizione come un tentativo volgare da parte di Stancanelli di fare una facile campagna elettorale. Non siamo d'accordo. Il PUA rappresenterà in campagna elettorale l'ennesima dimostrazione di come un pessimo Sindaco ha saccheggiato, violentato e svenduto le bellezze della città che era chiamato a governare.

Lo sviluppo anche economico della città deve essere eco-sostenibile, non può essere basato sulle colate di cemento e men che meno sulla privatizzazione di terreni e strutture che sono delle cittadine e dei cittadini. L'idea di Stancanelli e del centro-destra di rendere la costa un bene a pagamento, per la fruizione del quale le/i catanesi dovranno sborsare tanti euro è in netta opposizione con la costa liberata dal cemento e fruibile gratuitamente a tutte/i che noi abbiamo in mente. E' uno scandalo che già adesso migliaia di catanesi debbano pagare centinaia di euro a stagione solo per accedere al mare attraverso i lidi, cosa che dovrebbe essere garantita gratuitamente, e questo PUA peggiora pesantemente la situazione.

Purtroppo è largo il fronte politico che sostiene la realizzazione del PUA. Anche la coalizione in sostegno a Enzo Bianco infatti non sta conducendo un'opposizione alla realizzazione del progetto, anzi nelle liste in sostegno a Bianco è candidato proprio il progettista di una parte del PUA, Mimmo Di Paola. 

Noi garantiremo una netta opposizione alla realizzazione di quelle opere inutili e devastanti previste dal PUA. Stancanelli, la sua giunta, i progetti di cementificazione e di svendita ai privati andrebbero tutti buttati a mare. Ammesso che ci sia ancora spazio per accedervi, che non si debba pagare anche per fare il bagno.

Lunedì 22 Aprile 2013

Aggiungi commento

Filtered HTML

  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <blockquote> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Plain text

  • Nessun tag HTML consentito.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.
By submitting this form, you accept the Mollom privacy policy.